Fine settimana nelle Langhe 

Il paesaggio langarolo è un susseguirsi di collinette dove i vigneti si alternano agli alberi di nocciole e  i paesi dominano dall’alto il territorio.
La morra è un balcone sulle Langhe ,da qui una splendida vista!


Alba ,la città di Fenoglio,Barbaresco con la sua torre da cui si gode una bellissima vista,Barolo con le sue famose cantine….


la sera tortino di erbe con fonduta di parmigiano con spolverata di tartufo


sparsa tra i vigneti ecco la cappella del barolo
Costruita nel 1914 come riparo per chi lavorava nelle vigne circostanti in caso di temporali o grandinate, e mai consacrata, la Cappella di SS. Madonna delle Grazie fu acquistata dalla famiglia Ceretto nel 1970 assieme a 6 ettari del prestigioso vigneto di Brunate. Ridotta a rudere, dopo anni di abbandono, si è trasformata in uno degli edifici più noti del territorio grazie alla reinterpretazione che gli artisti Sol LeWitt e David Tremlett ne hanno dato nel 1999. La scintilla è scoppiata di fronte ad un bicchiere di Barolo e alla maestosità del paesaggio. Agli artisti è piaciuta subito l’idea di recuperare l’edificio in rovina e gli hanno dato nuova vita.


il castello di Grinzane Cavour con il suo bellissimo parco

Il castello di Pollenzo è una delle residenze sabaude riconosciute nel 1997 dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità.
Collegata al castello è la chiesa di san Vittore, costruita nella metà dell’Ottocento in stile neogotico.

Attirano visitatori da tutta Italia, sono semplici panchine ma hanno una particolarità : sono gigantesche. Le maxi panchine progettate dal designer americano Chris Bangle sono ubicate in zone panoramiche in diversi paesi piemontesi della zona delle Langhe.

borghi umbri

Tre giorni tra il verde e borghi da cartolina ..

Bevagna  è una caratteristica cittadina medievale circondata da antiche mura in provincia di Perugia, un tempo nota per le tele pregiate che vi si producevano ed erano chiamate “bevagne”.

Foligno è la terza città dell’Umbria e anche qui nel centro storico si respira l’atmosfera degli antichi borghi.

ecco Spello con i suoi vicoli fioriti


che portano ad un belvedere da cui si ha bellissima vista.
IMG_0130

Trevi è un borgo incantevole arroccato su di un poggio e domina la Valle Umbra. Girando tra i suoi vicoli lastricati e le sue piazzette ci si trova davanti a belle chiese e ad abitazioni caratteristiche in coppi e mattoncini, ad ogni angolo fiori coloratissimi ravvivano i muri e le facciate delle case.


Sulla strada del ritorno piacevoli soste per rivedere Siena

e San Gimignano

padova,venezia ,vicenza e dintorni

PADOVA
c’ero già stata diversi anni fa ma ci sono tornata proprio volentieri ,la ricordavo bella e confermo questa prima impressione!
ho visitato la cappella degli Scrovegni interamente affrescata da Giotto :una meraviglia!


non poteva mancare un caffè da Pedrocchi! lo storico caffè padovano!
la specialità che vi si può gustare è il pedrocchino,un caffè con panna e menta in tazza grande.
Si cammina bene per le vie del centro storico ed è piacevole girare senza fretta, nonostante la pioggia è stata una piacevole passeggiata fino alla basilica del Santo,così i padovani chiamano sant’Antonio.

VENEZIA
Venezia è la mia città preferita,quella che mi fa sognare e non mi stanca mai! questo sarà già il terzo post che ci faccio! questa volta non pensavo di andarci perché eravamo in tanti amici e pensavo ci fossero altre proposte ma visto che nessuno si sbilanciava ho proposto io la domenica  a Venezia!!!!!,ed ecco qui un pò di foto

Questo slideshow richiede JavaScript.

VICENZA MAROSTICA BASSANO
sulla strada del ritorno tappa a Vicenza ,qui Andrea Palladio ha lasciato le più numerose testimonianze del suo genio architettonico.
Piazza dei Signori è la piazza principale del centro storico di Vicenza, ha forma rettangolare , lungo un lato sorgono la Basilica Palladiana e la torre Bissara, mentre nel lato opposto si ergono la Loggia del Capitanio (anch’essa opera di Palladio), il Palazzo del Monte di Pietà con la Chiesa di San Vincenzo.

IMG_2753Avrei visto proprio volentieri il teatro olimpico ma purtroppo il lunedì è giorno di chiusura.

In compenso ho pranzato con il baccalà alla vicentina che mi è piaciuto molto!

per concludere una visita a Marostica ,cittadina nota in tutto il mondo per la partita a scacchi che si svolge ogni due anni (anni pari) con personaggi viventi nella piazza cittadina, nel secondo fine settimana di settembre.

allungando ancora un pò…Bassano del grappa con il suo famoso ponte coperto

Bellissima e verde Lunigiana 

Tre giorni fantastici con lo scooter in Lunigiana,la regione che si estende lungo il fiume Magra tra Liguria e Toscana
Da Sestri levante verso Varese ligure per poi da qui fare il passo delle cento croci da dove,scendendo, si incontra borgo Val di Taro.
Per raggiungere Pontremoli allunghiamo un po’ per fare il passo della Cisa,scelta azzeccata perché il paesaggio é proprio incantevole!


Pontremoli è il comune più settentrionale della Regione Toscana e sorge nell’alta vallata del fiume Magra, alla confluenza con il torrente Verde e all’estremità nord della Lunigiana.

Da Pontremoli andando verso la sorgente del Magra è la natura con i suoi boschi ad essere protagonista…ogni tanto un piccolo borgo sperso nel verde…come PRACCHIOLA da dove iniziano bellissime passeggiate nei boschi.
Il comprensorio di ZERI è un insieme di paesini e borghi che si raggiungono percorrendo strade immerse nei boschi…bellissimo! con lo scooter poi si gusta interamente il paesaggio mentre si viaggia!


Da Pontremoli verso Aulla e Spezia da dove prendere l’autostrada per il ritorno è un susseguirsi di paesini e borghi con il loro castello che si raggiungono deviando dalla strada provinciale.

la Lunigiana mi è piaciuta anche sotto il profilo gastronomico! una cucina che ha incontrato i miei gusti!
I TESTAROLI- gli ingredienti sono farina di grano tenero, acqua e sale, abbondantemente mescolati. La pastella liquida viene poi messa a cuocere nei tradizionali testi di terracotta,quando sono cotti vengono tagliati a losanghe quindi scottati nell’acqua bollente e conditi col pesto alla genovese
I PANIGACCI – si gustano soprattutto a Podenzana ,gli ingredienti sono gli stessi dei testaroli ma sono più piccoli, si servono in cestini di vimini e si accompagnano con salumi ,formaggi o,come ho preso io,verdure grigliate !
TORTE D’ERBI -Con erbe spontanee e verdure di stagione si confezionano le “torte d’erbi”:fantastiche!

qualche giorno in val d’aosta

CHAMPOLUC è il centro più importante della Val d’Ayas ed è situato nella parte terminale della valle stessa ad un’altezza di 1568 m
La val d’Ayas è una delle sette valle che si dipartono dal massiccio del monte Rosa.
Sopra l’abitato di Champoluc si trova l’ampio pianoro denominato Crest,si può raggiungere con la cabinovia e poi da li una bella camminata a piedi,in discesa!, per tornare a Champoluc

Versione 2

Non in discesa ma tutta in salita la passeggiata al rifugio Barbustel nel parco naturale del Mont Avic che si raggiunge in 2 ore partendo da Champorchè

A metà percorso una pausa al lago Muffet dove si trova pure un rifugio molto bello ed accogliente!

 

Si riparte e con grande soddisfazione arrivo al rifugio BARBUSTEL!!!!!!! Purtroppo la giornata non era limpida anzi iniziava a piovere e la vista non era un granché ma valeva comunque la pena di essere arrivata li!

La valle del Lys è un’altra delle valli del monte rosa,il centro principale è Gressoney saint Jean,un rinomato luogo di villeggiatura estiva e invernale.

Poco lontano dal centro del paese si trova il CASTEL SAVOIA, in realtà è una villa costruita ai primi del novecento per volere della regina Margherita che amava soggiornare a Gressoney .,in un primo tempo tempo ospite del barone Beck  Peccoz si fece poi costruire questa splendida dimora che ricorda con le sue cinque torri un castello.


Dopo la morte della regina Margherita il castello rimase chiuso per alcuni anni e venne venduto nel 1936 all’industriale milanese Ettore Moretti che lo mantenne quasi intatto. I suoi eredi vendettero il castello alla regione autonoma Valle d’Aosta nel 1981.

lago d’iseo

The Floating Piers é un’installazione artistica temporanea dell’artista Christo, concepita come una passerella che attraversa le sponde del lago d’Iseo
L’opera è costituita da una serie di passerelle installate sulla sponda bresciana del lago d’Iseo, che permetteranno ai visitatori di camminare appena sopra la superficie dell’acqua da Sulzano, sulla terraferma, sino alle isole di Monte Isola e San Paolo, dal 18 giugno al 3 luglio.
Le passerelle galleggianti sono larghe 16 metri, degradanti ai lati, per una lunghezza complessiva di 3 chilometri. Il percorso prosegue per 1,5 chilometri lungo le strade pedonali di Sulzano e Monte Isola.

Chi legge conoscerà senz’altro il tutto per aver visto e sentito in tele e sui giornali , a me è piaciuto tantissimo esserci andata e ho passato una giornata fantastica nonostante caldo e code! Ero entusiasta di essere lì!

ti sfido a trovare il tuo valore tag

tagSono stata nominata da Mirna/mi..semplicemente che ringrazio e partecipo a questo tag creato da MICHELA.
Proverò a rispondere a tutte le domande!
il valore che,a parer mio,più mi rappresenta è la sincerità nel senso che mi piace essere sempre me stessa
1. Quale sono i valori per voi più importanti?
molti sono i valori che hanno importanza,tra i tanti ne metto tre:
rispetto per gli altri,amicizia,onestà
2. Che importanza hanno i valori nella tua vita? Un’importanza primaria o secondaria ?
molto importanti
3.Metti in pratica i valori che per te sono più importanti nella vita di tutti i giorni ?
cerco di farlo….
4. Credi che oggi i valori per i giovani non sono importanti ?
non mi piace generalizzare,è sempre il singolo individuo che sceglie
5. In una sola frase chi sei tu ?
una persona come tante che cerca di vivere bene
6. Cos’è che recentemente hai imparato di nuovo su te stesso ?
ultimamente non ho scoperto nuovi lati della mia personalità
7. In ordine di importanza, quale ruolo riconosceresti ai seguenti aspetti della tua vita: felicità, soldi, amore, salute ?
salute,felicità,amore e soldi
8.Cosa fai quando non sei d’accordo con quello che pensano la maggior parte delle persone?
resto attaccata alle mie opinioni pur rispettando quelle degli altri a meno che qualcuno non mi convinca con argomenti…inossidabili!
9. Cosa hai fatto per essere la persona che hai sempre desiderato di essere ?
non ho fatto niente di speciale ho vissuto le cose nel momento che si presentavano ,facendo le scelte che in quel momento ritenevo più opportune
10. La paura di sbagliare cosa ti ha impedito di compiere ? E ciò cosa ti ha insegnato ?
non ho mai avuto paura,senz’altro avrò fatto errori e scelte sbagliate ma la paura non mi hai mai frenato

non saprei chi nominare perciò chi vuole partecipare lo faccia!queste sono le regole:
Usare l’immagine originale del tag.
Citare il creatore del Tag e ringraziare chi vi ha nominato.
Parla del valore che più ti rappresenta.
Rispondere alle 10 domande.
Nominare altri 1o blog.